Torna il Festival dell’Europa Solidale e del Mediterraneo 2023

La Manifestazione culturale, sostenuta dalla Fondazione Compagnia di San Paolo, si terrà a Ventotene, luogo simbolo per il sogno di pace europeo. In questa edizione protagoniste saranno quelle narrazioni positive in tema di migrazioni e integrazione, utili a rafforzare il ruolo attivo delle associazioni dei migranti e dei singoli all’interno delle proprie comunità.

Da giovedì 12 a domenica 15 ottobre a Ventotene (LT) torna il Festival dell’Europa Solidale e del Mediterraneo, il format culturale promosso da Generazione Ponte e sostenuto dalla Fondazione Compagnia di San Paolo con il patrocinio del Comune di Ventotene.Un’edizione, quella del 2023, che si svolge in un contesto socio-politico internazionale precario, in cui gli equilibri sono in continua evoluzione visti, ad esempio, la guerra in Ucraina, l’acuirsi del conflitto israelo-palestinese e tutti i cambiamenti che stanno avvenendo nel mondo a livello geopolitico.Per questo motivo la manifestazione proporrà 4 giorni ricchi di conferenze, dibattiti, arte di strada e workshop che contribuiranno ad approfondire queste circostanze. A essere protagonisti saranno i giovani europei, migranti, rifugiati, e seconde generazioni, che contribuiranno a diffondere l'importanza storica del Manifesto di Ventotene, trattando i valori fondamentali della creazione dell'Europa.A pochi mesi dalle elezioni del Parlamento Europeo, le discussioni offriranno quindi lo stimolo per immaginare quale sarà il ruolo dell'Unione Europea e il tipo di influenza che avrà nei prossimi decenni nell'area del cosiddetto "Mediterraneo allargato" e a livello globale.Proprio “Un Manifesto per i nuovi cittadini europei e le diaspore nella cooperazione: Next-Gen Cooperation” sarà il filo conduttore di questa edizione. Un racconto collettivo di pratiche virtuose e vincenti per superare razzismo e discriminazione con l’obiettivo di promuovere una cultura europea fondata sui valori della pace e dell’accoglienza.A comporre la narrazione saranno quelle persone che con le loro testimonianze di successo hanno contribuito a promuovere una migliore comprensione reciproca e una maggiore integrazione e interazione tra le diverse culture.Tra i relatori del Festival sarà presente anche il Segretario Generale della Fondazione Compagnia di San Paolo, Alberto Anfossi, ospite della sessione “Next-Gen Cooperation: Europa" che avrà luogo il 13 ottobre a partire dalle ore 18:00.Insieme al Segretario, troveremo anche Mina Sharifi - promotrice dell’iniziativa “Diritto allo studio in Afghanistan”, sostenuta fortemente dalla Fondazione Compagnia di San Paolo. Il panel, moderato da Amer Al-Taie, componente del direttivo di Generazione Ponte, ospiterà inoltre Vito Borrelli, della Commissione Europea - Erasmus Mundus programme, SiMohamed Kaabour, Presidente di CONNGI, Ana Ciuban, Vicepresidente di CODIASCO e Luca Palamara, giornalista Euronews.Per consultare il programma completo del Festival dell’Europa Solidale e del Mediterraneo 2023 Visita questo link.Il comunicato stampa è invece disponibile a questo link.

Questa iniziativa contribuisce al raggiungimento dei seguenti Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

Exit mobile version