Presentato oggi il progetto integrato nel quartiere Barriera di Milano, che vuole essere motore di cambiamento e strumento per la costituzione di una comunità educante coesa e interconnessa.
Data di pubblicazione: 26 Maggio 2021
Obiettivo
Persone.

Si chiama “N. O. E. Nuovi Orizzonti Educativi” l’azione territoriale presentata questa mattina, parte del programma “Una comunità che educa”, nata per supportare lo sviluppo di una comunità educante nel quartiere torinese di Barriera di Milano attraverso la proposta di nuove opportunità educative extrascolastiche per famiglie, bambine e bambini, ragazzi e ragazze grazie alla forte sinergia fra scuola, enti locali e privato sociale.

“Una comunità che educa” è il progetto promosso dalla Fondazione Compagnia di San Paolo, dalla Città di Torino – Assessorati alle Politiche educative, alle Politiche sociali, alle Politiche giovanili – dalla Circoscrizione VI e dall’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte, per stimolare un ecosistema educante capace di apprendere dal fare e costruire alleanze educative che operano in modo integrato e data driven.

N.O.E. è stato costruito con il confronto tra i numerosi attori presenti nel quartiere (scuole, servizi territoriali, enti e istituzioni educative e culturali, associazioni, imprese sociali, gruppi informali di giovani, famiglie) con l’obiettivo di dar vita a una comunità educante coesa e interconnessa. N.O.E. integra, coordina e mette a sistema in un triennio (2021-2023) le esperienze e le competenze di oltre 33 soggetti del territorio che si impegnano a costruire un percorso educativo territoriale che fin da ora abbia i caratteri della sostenibilità futura.

“Con questo progetto, la Fondazione Compagnia di San Paolo, la Città di Torino, la Circoscrizione VI e l’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte vogliono rafforzare la comunità educante del quartiere Barriera di Milano perché diventi sempre più capace di assumere come propria responsabilità i percorsi di crescita ed educazione delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi, lavorando per rimuovere le disuguaglianze e per prevenire e contrastare la povertà educativa – ha spiegato Francesco Profumo, Presidente della Fondazione Compagnia di San Paolo, intervenendo alla presentazione di questa mattina -. Con ‘Una comunità che educa’ e con le azioni territoriali di N.O.E. si vuole potenziare in un arco temporale di tre anni il lavoro di rete di enti e istituzioni chiamati sempre più a navigare l’incertezza di questi tempi, sostenendoli anche con strumenti di analisi per supportare decisioni e per migliorare l’efficacia degli interventi educativi”.

N.O.E. si impegna a lavorare in un quartiere caratterizzato da reddito medio basso, dalla presenza di nuclei familiari numerosi, in cui alta è la concentrazione di bimbi in fascia d’età 0-6 anni e in cui la maggior parte delle persone tra i 15 e i 29 anni non studiano e non lavorano. Un quartiere in cui la recente situazione sanitaria ha acuito le diseguaglianze economiche e sociali. L’intento è dar vita a numerose attività e iniziative, creare nuovi spazi di partecipazione e co-progettazione, occasioni di confronto, condivisione e ascolto reciproco con i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze, e le famiglie.  Il progetto propone, in particolare, attività per tre diversi target d’età: Kids 0-5 anni, Young 6-13 anni e Pioneer14-18 anni.

 

Nel comunicato stampa troverete maggiori dettagli sulle attività svolte ad oggi e su quelle future. Inoltre, da oggi è online il sito del progetto www.noebarriera.it dove si potranno trovare tutte le attività disponibili per le famiglie, i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze.

Questa iniziativa contribuisce al raggiungimento dei seguenti Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

SDG 4  Istruzione di qualità
SDG 17  Partnership per gli obiettivi