Data di pubblicazione: 22 aprile 2021
Data di scadenza: 30 settembre 2021
Obiettivo
Cultura.

Elementi di contesto

La Fondazione Compagnia di San Paolo sostiene la cultura in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta attraverso la valorizzazione dei beni e del patrimonio culturale e il supporto alla produzione e alla programmazione artistica e creativa.

Questo impegno della Compagnia, alla luce del Piano Strategico 2021-2024, si concretizzerà nel prossimo quadriennio in interventi complessi, ma unitari. La produzione creativa e la programmazione di un’offerta culturale identitaria diventeranno il cardine per rafforzare le vocazioni artistiche del territorio orientate alla ricerca, potranno contribuire ad attrarre artisti e realtà produttive e servire da trampolino per nuovi talenti. Il consolidamento della filiera che unisce ricerca, produzione, offerta e distribuzione in una logica di ecosistema potrà qualificare i territori come capaci di attrarre artisti, visitatori e cittadini e farli comparire sulla mappa dei luoghi culturalmente significativi.

In tale prospettiva e nello scenario complesso nel quale ci troviamo a operare, per l’approfondimento del quale si rimanda all’appendice 1 “Elementi di contesto e scenario”, la Fondazione promuove il Bando “ART~WAVES. Per la creatività, dall’idea alla scena”.

In applicazione del Piano Strategico 2021-2024, ART~WAVES agirà su alcune “trasversalità” di sistema che la Fondazione ha identificato come linee di cambiamento su cui operare per attuare il proprio percorso verso il bene comune. L’azione del bando si concentrerà infatti sulle “Geografie”, per stimolare i territori a lavorare sul proprio potenziale e farne risorsa di sviluppo e attrattività, ma anche sui “Saperi” come infrastruttura per la crescita della persona, mediante l’operato di realtà culturali consapevoli e preparate, e sulle “Opportunità” di crescita duratura e diffusa che contribuirà a far emergere sui territori per le persone che vi abitano.

 

Finalità e obiettivi

Il Bando si propone in generale di:

  • Consolidare l’identità creativa dei territori attraverso il sostegno alla programmazione e alla produzione creativa, orientata alla ricerca d’avanguardia, al rischio culturale e all’innovazione dei linguaggi, dei media e delle metodologie;
  • Attrarre realtà culturali in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, presentando proposte innovative e favorendo l’emergere di produzioni e talenti che possano accreditarsi nel circuito della produzione artistico-creativa locale, nazionale ed internazionale;
  • Favorire il consolidamento di un ecosistema che unisca ricerca, produzione, offerta e distribuzione.

In particolare, gli obiettivi del Bando sono:

  • Sostenere la programmazione e la fruizione delle perfoming arts e dei linguaggi espressivi contemporanei in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta;
  • Sostenere la ricerca e la produzione creativa e di avanguardia nei linguaggi espressivi contemporanei, al di là delle differenze di genere e in una dimensione di valorizzazione delle vocazioni creative e sperimentali del territorio;
  • Arricchire l’offerta culturale e la programmazione nei territori di riferimento del bando tramite la presenza di realtà culturali nazionali e internazionali e di nuovi talenti;
  • Sostenere in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta nuove produzioni nazionali ed internazionali, connettendole con le istituzioni culturali di riferimento dei territori;
  • Connettere l’offerta culturale proposta dai candidati al bando con realtà culturali locali in una prospettiva ecosistemica;
  • Favorire lo sviluppo di una strategia pluriennale dei soggetti coinvolti, integrata tra produzione creativa, programmazione e distribuzione.

Per il raggiungimento delle suddette finalità, il bando integra due diversi strumenti della cassetta degli attrezzi proposta dalla Fondazione nel proprio Piano strategico 2021-2024. ART~WAVES avrà infatti durata biennale, per lavorare su un orizzonte temporale adeguato al raggiungimento degli obiettivi posti e all’accompagnamento degli enti selezionati, ma sarà anche a due fasi, per stimolare un’evoluzione dei progetti che superi l’idea della pura riproposizione annuale delle iniziative.

ART~WAVES coprirà dunque il biennio 2021-2023 tramite due diverse e consecutive edizioni (una per ogni Fase) e con due linee di intervento interconnesse: la prima linea è dedicata alle programmazioni di performing arts, la seconda alle produzioni artistico-creative. Nel corso del biennio le produzioni dovranno trovare spazio nelle programmazioni di performing arts annuali proposte e, a seguito di un percorso di incubazione, dimostrarsi tali da poter essere presentate nei calendari delle maggiori istituzioni culturali del territorio ed essere distribuite a livello nazionale.

La prima annualità (I Fase) accoglierà le programmazioni di performing arts 2021-2022 e le produzioni con realizzazione entro l’estate 2022.

La seconda edizione del bando (II Fase) sarà collocata nella primavera 2022 e ad essa saranno ammessi solo gli enti selezionati nella prima annualità, al fine di proseguire il percorso di sviluppo biennale delineato nell’anno precedente. Non necessariamente tutti i selezionati nel corso della prima annualità risulteranno vincitori anche nella seconda.

Conseguentemente, la seconda annualità sarà dedicata alle programmazioni di performing arts 2022-2023 e all’affinamento e alla distribuzione, entro l’estate 2023, delle produzioni artistico- creative selezionate nella prima annualità. I profili, i contenuti specifici delle iniziative e le disposizioni operative di questa seconda fase saranno resi noti dalla Fondazione a partire da aprile 2022.

Sono ammessi al Bando:

Per le programmazioni:

  • Enti e associazioni non profit e cooperative dello spettacolo con finalità statutarie e comprovata esperienza nel campo delle performing arts (nei termini di precedenti edizioni della manifestazione o altre iniziative già realizzate ed esperienze pregresse dei componenti dell’ente coinvolti nel progetto), con sede legale e/o operativa nelle regioni Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta;
  • Gli Enti pubblici di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta sono ammissibili soltanto se compaiono in proposte presentate in partenariato con soggetti di cui al punto precedente.

Per le produzioni:

Sono ammessi al bando enti pubblici esclusivamente di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta e enti non profit di tutta Italia.

Sono esclusi per entrambe le linee del Bando:

  • Gli enti aventi fini di lucro o le imprese di qualsiasi natura (con eccezione delle imprese strumentali, delle imprese sociali di cui al decreto legislativo 24 marzo 2006, n. 155, e delle cooperative sociali di cui alla legge 8 novembre 1991, n. 381 e successive modificazioni e delle cooperative che operano nel settore dello spettacolo, dell’informazione e del tempo libero), nonché le persone fisiche;
  • Gli enti all’interno dei quali la Compagnia di San Paolo rivesta la qualifica di associato. Inoltre, sono esclusi il Comune di Torino e il Comune di Genova, gli Atenei, le Fondazioni liriche e i Conservatori di Stato o istituti pareggiati e gli enti che hanno in corso sostegni da parte della Compagnia all’attività istituzionale o a progetti complessi di carattere non estemporaneo.

Un ente candidato alla linea “programmazioni” non potrà candidarsi anche alla linea “produzioni”.

Ogni ente candidato alla linea “programmazioni” potrà presentare un solo progetto nel bando, singolarmente o all’interno di un partenariato, in qualità di capofila o partner.

Un ente candidato alla linea “produzioni” non potrà candidarsi anche alla linea “programmazioni”.

Ogni ente candidato alla linea “produzioni” dovrà avere una collaborazione ufficiale con un soggetto candidato alla linea “programmazioni” che garantisca la presenza dell’opera prodotta nella propria programmazione 2021-2022.

Le condizioni di ammissibilità delle proposte sono:

Per le programmazioni:

  • Svolgersi nei territori di Piemonte, Liguria e/o Valle d’Aosta;
  • Iniziare dopo il 30 settembre 2021 e concludersi entro il 30 settembre 2022;
  • L’accesso all’iniziativa dovrà essere libero, ovvero non esclusivo per associati/tesserati. È ammissibile prevedere ingressi agli appuntamenti sia a pagamento sia gratuiti sulla base di diverse tipologie di fruitori;
  • Avere una programmazione autonoma, unitaria e temporalmente coerente, con un minimo di cinque spettacoli tra loro differenti da svolgersi in giornate diverse, nell’ambito di un coerente progetto culturale;
  • Ospitare all’interno della programmazione appuntamenti dedicati alla produzione creativa contemporanea e, in generale, sviluppare e promuovere con la propria iniziativa gli artisti e la ricerca nei linguaggi espressivi contemporanei. Verrà riconosciuto come elemento preferenziale la presenza nella programmazione di una produzione candidata al sostegno della Compagnia nella linea di intervento “produzioni” del presente Bando;
  • Essere prevalentemente costituiti da eventi di spettacolo dal vivo. Eventuali attività collaterali di altri generi (quali arti visive, audiovideo, letteratura …), come incontri e laboratori con il pubblico, conferenze, stage, workshop e seminari, saranno ammesse solo nella misura in cui concorrano direttamente al buon esito dell’iniziativa e non siano prevalenti negli obiettivi del progetto come pure nel numero di appuntamenti totale.

Non saranno ammesse le proposte:

  • Che prevedano la realizzazione esclusiva di un unico evento replicato più volte;
  • Costituiti da spettacoli e iniziative di carattere amatoriale o dilettantistico;
  • Che richiedano un generico sostegno a favore dell’attività istituzionale dell’Ente proponente;
  • Nelle quali si esibiscano interpreti/compagnie/formazioni interni all’ente titolare del progetto o sue emanazioni per un numero complessivo superiore al 30% del totale degli appuntamenti in cartellone;
  • Che prevedano costi superiori al 15% del totale per la realizzazione di incontri e laboratori con il pubblico, conferenze, esposizioni, stage, workshop, seminari o altre attività collaterali alla programmazione. Non sono peraltro ammessi corsi di formazione e perfezionamento per artisti che siano continuativi durante l’anno, così come attività di masterclass aventi logica autonoma, per i quali casi la Compagnia ha linee di sostegno dedicate. Analogamente progetti aventi quale focus primario la partecipazione e il coinvolgimento del pubblico possono fare riferimento a linee di intervento a ciò dedicate;
  • Le acquisizioni e gli interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria su beni immobili e mobili.

Per le produzioni

Sono ammessi al bando progetti che siano espressione della creatività e della ricerca artistica contemporanea, di elevata qualità culturale e al di là delle differenze di generi e linguaggi.

Le proposte dovranno:

  • Realizzare una produzione nell’ambito dei linguaggi espressivi contemporanei (arti visive, performing arts, design, audiovideo, fotografia, musica, scrittura, digitale, grafica…) sviluppando ricerche, processi e realizzazioni aperte alla sperimentazione, anche in una dimensione transdisciplinare;
  • Favorire lo scambio e il confronto di ricerche creative e di saperi nell’ambito dei linguaggi espressivi contemporanei al fine di cogliere gli spunti di ricerca del territorio e valorizzarne l’identità e la vocazione creativa;
  • Presentare caratteri strutturati e innovativi dal punto di vista progettuale, organizzativo, e di sostenibilità economico-finanziaria del progetto;
  • Porsi in stretta relazione con il contesto culturale e la comunità creativa in cui si sviluppano, coinvolgendo risorse ed energie locali;
  • Favorire la presenza e l’attrattività sui territori del progetto di soggetti produttivi, talenti e realtà culturali orientate alla ricerca e che possano accreditarsi nel circuito della produzione artistico-creativa locale, nazionale ed internazionale;
  • Individuare futuri elementi di approfondimento e rafforzamento della ricerca culturale presentata, nonché prospettive di affinamento della produzione per il successivo biennio e di una sua distribuzione in altri contesti e circuiti. In particolare, la proposta dovrà essere inserita in un più ampio percorso biennale del progetto, con definizione schematica degli ambiti e delle finalità di ricerca su cui l’ente intende agire, gli obiettivi che si pone e le azioni che vengono messe in atto per raggiungerli (a riguardo si rimanda al paragrafo “Documenti necessari”);
  • Prevedere il formale e diretto coinvolgimento di un ente partecipante alla linea di intervento “programmazioni” che possa concorrere nel primo anno alla realizzazione della produzione nelle varie fasi del progetto (ideazione, produzione, organizzazione, gestione, comunicazione) e che si impegni alla presentazione dell’opera nella propria programmazione 2021-2022;
  • Realizzarsi a partire da ottobre 2021, con azioni di restituzione pubblica a partire dal 2022 e concludersi entro settembre 2022;
  • Seppur proposte da soggetti provenienti da tutta Italia, svolgersi obbligatoriamente in tutte le sue fasi in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta.
Sono esclusi dal bando:
  • Progetti che non abbiano come carattere preminente il valore artistico-culturale e la produzione nell’ambito dei linguaggi e della ricerca contemporanea (a titolo di esempio: progetti amatoriali e dilettantistici, progetti eccessivamente sbilanciati sull’attività laboratoriale e partecipativa della creazione e della produzione, progetti a carattere didattico- formativo);
  • Le acquisizioni e gli interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria di beni immobili e mobili;
  • I progetti che prevedano nel budget complessivo spese per l’acquisto di beni mobili funzionali al progetto (attrezzature, materiale tecnologico, supporti informatici, etc…) superiori al 15% dei costi preventivati;
  • I progetti che prevedano nel budget complessivo spese per attività svolte da uno qualsiasi dei soggetti coinvolti non direttamente connesse alla realizzazione del progetto (quali ad esempio contributi per la gestione ordinaria dell’attività) per un ammontare superiore al 15% del totale dei costi preventivati.

Sarà considerato elemento preferenziale la presenza, per almeno il 70% del team artistico del progetto, di artisti under 35, ovvero nati dal 1986 in poi.

Si precisa che la proprietà delle opere realizzate nel corso del progetto nella prima annualità del Bando sarà dell’ente proponente, fermo restando la sua facoltà di definire accordi di coproduzione e titolarità con gli artisti e altri soggetti coinvolti.

Per la linea “programmazioni” il contributo massimo accordato sarà fino a € 70.000 per progetti presentati da un singolo ente e fino a € 120.000 per le proposte candidate in partenariato; il contributo potrà coprire fino al 65% del costo complessivo della proposta.

Per la linea “produzioni” il contributo massimo accordato sarà di € 50.000, a copertura massima del 75% del costo complessivo del progetto.

L’ente sarà tenuto a realizzare l’iniziativa così come è stata sottoposta alla Fondazione e dovrà garantire, in proprio o attraverso il reperimento di ulteriori contributi, la copertura dei costi eccedenti l’importo richiesto alla Compagnia.

Sono ammissibili tutti i costi connessi in modo diretto alla realizzazione del progetto. Si precisa che:

Per le programmazioni

  • Non sono ammissibili le spese afferenti alla produzione creativa per la quale l’ente abbia formalizzato la collaborazione nella linea “produzioni”;
  • Non sono ammissibili spese per acquisizioni e/o interventi strutturali di beni mobili e immobili;
  • Sono ammissibili spese gestionali e amministrative (quota parte di utenze, affitti, personale amministrativo e consulenze) fino al 15% dei costi complessivi dell’iniziativa;
  • Sono ammissibili spese per la realizzazione di incontri e laboratori con il pubblico, conferenze, esposizioni, stage, workshop, seminari o altre attività collaterali alla programmazione fino al 15% dei costi complessivi dell’iniziativa;
  • Il contributo della Fondazione sarà destinato esclusivamente a spese successive alla data di eventuale deliberazione del contributo.

Per quanto riguarda il cofinanziamento:

  • E’ ammessa la valorizzazione del personale strutturato degli enti, con l’esclusione degli enti pubblici, fino alla concorrezza del 15% del cofinanziamento previsto da budget;
  • È ammessa la valorizzazione di prestazioni in kind (sia di beni sia in servizi) fino alla concorrenza del 30% del cofinanziamento previsto da budget;
  • Non è ammessa la valorizzazione dell’opera prestata da volontari.

Per le produzioni

  • Non sono ammissibili le spese sostenute per il progetto dal partner della linea “programmazioni”, se non come costi corrispondenti ad eventuali valorizzazioni in-kind del partner stesso come cofinanziamento (vedasi la sezione specifica);
  • Sono ammissibili spese gestionali e amministrative (quota parte di utenze, affitti, personale amministrativo e consulenze) del soggetto proponente fino al 15% dei costi complessivi dell’iniziativa. In caso di eccedenza, il progetto risulterà non ammissibile;
  • Sono ammissibili spese per l’acquisto di beni mobili funzionali al progetto (attrezzature, materiale tecnologico, supporti informatici, etc…) fino al 15% dei costi preventivati. In caso di eccedenza, il progetto risulterà non ammissibile;
  • Il contributo della Fondazione sarà destinato esclusivamente a spese succesive alla data di eventuale deliberazione del contributo.

Per quanto riguarda il cofinanziamento:

  • E’ ammessa la valorizzazione del personale strutturato del soggetto proponente, con l’esclusione degli enti pubblici, fino alla concorrezza del 15% del cofinanziamento previsto da budget;
  • È ammessa la valorizzazione di prestazioni in kind (sia di beni sia in servizi) fino alla concorrenza del 30% del cofinanziamento previsto da budget. Se le prestazioni in kind sono fornite dal partner della linea “programmazioni”, i loro costi non possono essere in ogni caso coperti dall’eventuale contributo accordato all’ente dalla Fondazione per la programmazione;
  • Non è ammessa la valorizzazionedell’opera prestata da volontari.

Nota Bene: al di là di quanto previsto nel progetto, il contributo della Compagnia non potrà essere destinato a quanto non ammissibile secondo il regolamento delle attività istituzionali e le relative linee applicative disponibili nella sezione “Contributi” sul sito della Fondazione.

La partecipazione al bando comporta automaticamente l’accettazione delle procedure, dei criteri e delle indicazioni ad esso riferite. La mancanza dei requisiti e l’inosservanza delle condizioni e delle procedure previste comporteranno l’esclusione della richiesta di partecipazione.

Per presentare la candidatura al bando è obbligatorio utilizzare esclusivamente la procedura ROL richiesta on-line, nella sezione “Contributi” del sito della Fondazione, accedendo all’apposita modulistica dedicata al bando per ciascuna linea di intervento.

Tutti i dossier di candidatura dei progetti dovranno comprendere obbligatoriamente in allegato i seguenti documenti:

  • Documento che contenga l’indirizzo strategico biennale del progetto, cioè la definizione schematica degli ambiti e della finalità su cui l’ente o il partenariato intende agire, gli obiettivi che si pone e le azioni che vengono messe in atto per raggiungerli. Per la preparazione di tale documento, si consiglia di consultare il Toolkit Performing Plus e in particolare la sezione sull’identificazione di “obiettivi e strategie”, che contiene interventi di approfondimento sul tema e proposte di strumenti da utilizzare;
  • Budget dettagliato del progetto suddiviso per capitoli di spesa secondo il format fornito.

Inoltre, per le programmazioni:

  • Programma dettagliato dell’iniziativa, con elenco e descrizione degli eventi previsti e degli artisti coinvolti, se già noti o, in alternativa, la struttura di massima della programmazione prevista, con indicazione delle strategie e linee artistiche, delle dimensioni del programma, dell’area di realizzazione, delle sedi e dei circuiti artistici in cui ci si intende inserire. In caso di selezione, sarà onere dell’ente fornire alla Compagnia il programma dettagliato appena possibile;
  • Eventuali curricula degli artisti coinvolti, se già noti;
  • Eventuale lettera di intenti condivisa con un soggetto produttivo che descriva la produzione a cui si collabora, nel caso in cui si intenda accogliere nella propria programmazione un’iniziativa presentata nella linea di intervento “produzioni”;
  • Documentazione aggiornata – a consuntivo, quando possibile – sull’eventuale edizione precedente dell’iniziativa (obiettivi, programma realizzato, esito raggiunto, dati economici di entrata e uscita).

In caso di partenariato:

  • Ogni partner dovrà compilare o aggiornare la propria Anagrafica sul sistema ROL; l’Ente capofila, nella ROL del progetto, dovrà segnalare tra i partner i medesimi soggetti, i quali dovranno avere già compilato la propria Anagrafica;
  • Tutti gli enti coinvolti nel partenariato dovranno sottoscrivere un accordo in forma scritta di durata almeno biennale (protocollo d’intesa, convenzione, accordo tra le parti, etc.) nel quale siano regolati i rapporti tra tutti gli enti coinvolti, inclusa la cabina di regia del progetto, e si definiscano nella forma di impegno ruoli e compiti di ognuno nella realizzazione della programmazione, con dettaglio delle singole azioni svolte e dei costi preventivati. Tale documento dovrà essere firmato dai rappresentanti legali di tutti i componenti del partenariato;
  • Dovrà essere presentato il budget dettagliato del progetto in cui per ogni voce di costo venga indicato il soggetto che se ne farà carico e la fonte di copertura economica, secondo il modello fornito nella modulistica. Tale budget potrà essere incluso nel documento di cui al punto precedente.

Per le produzioni

  • Dovrà essere presentato un accordo di collaborazione in forma scritta con un ente candidato nella linea di intervento “programmazioni”. In tale accordo, devono essere definiti i termini della collaborazione nelle varie fasi del progetto (ideazione, produzione, organizzazione, gestione, comunicazione,…) e l’impegno alla presentazione dell’opera nella programmazione 2021-2022 dell’ente;
  • Relazione critica-curatoriale sulla ricerca e sul progetto artistico;
  • Curricula vitae degli artisti coinvolti e degli ideatori della proposta. Sono ammessi ulteriori elaborati in grado di illustrare la qualità della proposta.

La scadenza di presentazione delle candidature alla linea di intervento “programmazioni” è fissata alle ore 12 del 30 giugno 2021.

La scadenza di presentazione delle candidature alla linea di intervento “produzioni” è fissata alle ore 12 del 30 settembre 2021.

I dossier di candidatura di entrambe le linee saranno oggetto di valutazione da parte di un collegio composto da esponenti della Compagnia e da esperti di settore indipendenti. Si ricorda che la responsabilità dell’aggiudicazione finale è in capo al Comitato di Gestione della Compagnia.

Saranno considerate non ammissibili le candidature non conformi con quanto stabilito nel bando circa soggetti e iniziative ammissibili, nonché alle disposizioni individuate, alla completezza e alla regolarità della documentazione presentata. Queste proposte progettuali saranno pertanto escluse dalla fase di selezione di merito. In presenza di carenze di ordine formale di rilievo minore rispetto a quanto richiesto, la Fondazione si riserva di richiedere documentazione integrativa ai fini dell’istruttoria.

La selezione avverrà, con modalità comparative, a insindacabile giudizio della Fondazione Compagnia di San Paolo.

Gli esiti dell’istruttoria e delle deliberazioni verranno pubblicati sul sito della Fondazione per la linea“programmazioni” entro il 25 settembre 2021, ed entro il 31 dicembre 2021 per la linea “produzioni”.

E’ inteso che le iniziative non citate nei suddetti esiti debbano ritenersi non accolte.

Per entrambe le linee di intervento, il contributo attribuito agli enti selezionati sarà corrisposto con le seguenti modalità: il 50% sarà versato in anticipo, sul conto corrente intestato all’ente al ricevimento della documentazione richiesta nella lettera di delibera e nei suoi allegati. Il saldo sarà versato al termine dell’attività, ricevuta la documentazione prevista e completata la procedura di controllo da parte degli uffici.

La Compagnia potrà effettuare verifiche dirette o indirette sull’attuazione dell’iniziativa e sulle concrete ricadute. Il riscontro di circostanze non conformi al bando comporterà per l’ente selezionato l’esclusione dal contributo.

Il Bando prevede per i soggetti vincitori di entrambe le linee di intervento un percorso di accompagnamento finalizzato alla condivisione della metodologia di monitoraggio dei progetti, del loro svolgimento e della loro sostenibilità economica, nonché alla valutazione del raggiungimento degli obiettivi specifici individuati nelle candidature, in coerenza con un approccio orientato allo sviluppo sostenibile.

Per i progetti vincitori della linea produzioni, inoltre, è previsto un percorso di incubazione e di affinamento della proposta selezionata, realizzato in partnership con esperti e istituzioni di riferimento nell’ambito delle produzioni contemporanee. Il percorso verrà profilato sulle specifiche caratteristiche e potenzialità della produzione presentata nella prima annualità e sarà finalizzato alla definizione dello sviluppo della ricerca e della produzione da presentare nella seconda annualità del Bando.

Questo Bando contribuisce al raggiungimento dei seguenti Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

SDG 8 Lavoro dignitoso e crescita economica
SDG 9  Imprese, innovazione e infrastrutture
SDG 11  Città e comunità sostenibili