Mediterraneo. Città. Integrazione.

27/06/2019
Condividi
Stampa
Invia
Mediterraneo. Città. Integrazione.

Oltre 50 esperti del settore pubblico e privato affrontano in chiave transatlantica le diverse sfide sociali, economiche e di sicurezza della regione mediterranea.

Il Mediterraneo è la regione dove si concentrano alcune delle crisi più rilevanti per la sicurezza e la stabilità. Ma è anche un’area con un patrimonio ricchissimo di storia e cultura comuni, che offre opportunità straordinarie di cooperazione e sviluppo ancora da esplorare. Soprattutto nella sfida delle migrazioni, sono le Città i luoghi dove si stanno realizzando i più interessanti progressi in termini di percorsi di integrazione.

A questi temi è stata dedicata la riunione del Mediterranean Strategy Group, svoltasi a Marsiglia e promossa dalla Compagnia di San Paolo nel quadro della partnership strategica con la fondazione statunitense The German Marshall Fund of the United States e con il Policy Center for the New South (Marocco), che riunisce periodicamente a porte chiuse oltre 50 esperti del settore pubblico e privato che affrontano in chiave transatlantica le diverse sfide sociali, economiche e di sicurezza della regione mediterranea.

All’iniziativa di Marsiglia hanno preso parte rappresentanti di numerose istituzioni tra cui World Bank, Organizzazione Internazionale delle Migrazioni, UN-Habitat, Center for Mediterranean Integration (Marsiglia), International Center for Migration Development (Malta), Luso-American Development Foundation (Lisbona), Carnegie Europe, Dipartimento di Stato americano, Ministero degli Interni del Marocco, Ministero degli Affari Esteri e Parlamento della Spagna, Barcelona Center forInternational Affairs (CIDOB), oltre a rappresentati di città quali Amman, Beirut e Chios (Grecia).

Il Mediterranean Strategy Group è sostenuto dalla Compagnia di San Paolo nell'ambito del Programma International Affairs, avviato con l’obiettivo di rafforzare tra attori pubblici, privati e della società civile un dialogo ormai sempre più necessario per affrontare le sfide e le opportunità internazionali che inevitabilmente si riverberano a livello locale. La Compagnia è stata rappresentata nell’occasione dal Coordinatore del Programma International Affairs Nicolò Russo Perez, che ha introdotto i lavori.