ITHACA per il Nepal

19/05/2015
Condividi
Stampa
Invia

Le attività di ITHACA a supporto delle operazioni umanitarie in Nepal: Copernicus e OSM

Le tecniche di telerilevamento e il processamento di dati satellitari forniscono informazioni preziose per supportare il lavoro delle organizzazioni internazionali che affrontano la crisi umanitaria post-terremoto. In questo campo, l’associazione ITHACA, promossa da Politecnico e Siti (ente strumentale della Compagnia di San Paolo), conduce da diversi anni un’intensa attività operativa e di ricerca nel settore della geomatica per l’analisi, la valutazione e la mitigazione dei danni nei casi di catastrofi di origine naturale o antropica.

In occasione del terremoto che ha colpito il Nepal lo scorso 25 aprile, il servizio di gestione delle emergenze del programma europeo COPERNICUS, per il quale ITHACA è production site dal 2012, è stato attivato per produrre cartografia relativa alle aree colpite dal sisma. Su richiesta della Commissione Europea stessa (Direzione generale per gli Aiuti umanitari e la protezione civile), il servizio ha prodotto più di 30 mappe in 10 giorni, messe a disposizione di tutti gli utenti attivi nella gestione dell’emergenza, facilitando la valutazione dei danni e la distribuzione degli interventi di soccorso.

Inoltre, ITHACA si è resa disponibile a processare le immagini satellitari rese disponibili da DigitalGlobe e a pubblicarle come servizi Web, consentendo così di coinvolgere volontari per la produzione di dati e cartografia a supporto della fase di risposta all’emergenza. Tale attività è svolta in stretta collaborazione con Humanitarian OpenStreetMap Team (http://hotosm.org/).

Il nuovo Programma International Affairs che la Compagnia di San Paolo ha recentemente avviato mira a rafforzare la proiezione internazionale di tutti quei soggetti che come ITHACA operano a livello locale in settori di rilievo internazionale.

Esempio di mappa di Kathmandu prodotta nell’ambito del servizio

© European Union

Untitled-1