Biennale Democrazia 2019

05/03/2019
Condividi
Stampa
Invia
Biennale Democrazia 2019

A Torino da mercoledì 27 a domenica 31 marzo.

VISIBILE INVISIBILE è il titolo della VI edizione di Biennale Democrazia, realizzata quest’anno in collaborazione con il Polo del ‘900. 
La manifestazione, presieduta da Gustavo Zagrebelsky, si svolge a Torino dal 27 al 31 marzo e coinvolge 251 ospiti, 150 volontari, 2300 studenti e 90 classi.

ll programma prevede 133 appuntamenti che seguono quattro differenti filoni: Luci e ombre; La società della trasparenza; Legami invisibili; Dal tramonto all’alba.

Tra gli ospiti internazionali: il sociologo ed economista tedesco Wolfgang Streeck, che terrà una lectio sulla fine del capitalismo; il reporter turco-tedesco Deniz Yücel, che ha raccontato la rivolta di Gezi Park del 2013 ed è stato per un anno incarcerato in Turchia; Branko Milanović, economista specializzato in diseguaglianze globali; il filosofo francese Jacques Rancière, che indagherà le radici del crescente odio per la democrazia; Rupert Younger, dell’Università di Oxford, che ha scritto il Manifesto degli Attivisti rivisitando in chiave contemporanea il Manifesto del Partito Comunista di Marx e Engels; Joan R. Rosés; direttore del Dipartimento di Storia Economica presso la London School of Economics, esperto di economia della conoscenza; e ancora Jean-Claude Guédon, accademico e scrittore canadese, che esplorerà i legami tra conoscenza scientifica e democrazia e le studiose e attiviste Emilia Roig e Amal Yacef, che tratteranno discriminazioni di genere, etnia, religione e classe sociale.

Il programma è stato presentato il 5 marzo nel Foyer del Toro del Teatro Regio ed è consultabile al link biennaledemocrazia.it

Per la Compagnia di San Paolo ha partecipato Anna Maria Poggi.