La Compagnia di San Paolo sottoscrive, insieme a 12 fondazioni italiane e britanniche, un appello per fare del clima, della biodiversità e della salute le priorità del G7 e del G20.
Data di pubblicazione: 9 Giugno 2021
Istituzionale

La Fondazione Compagnia di San Paolo, insieme ad altre 12 tra le maggiori fondazioni filantropiche con sede in Gran Bretagna e in Italia, lancia un appello per richiedere azioni decisive sul clima, la salute e la biodiversità, indirizzando una lettera aperta a Boris Johnson e a Mario Draghi, i Primi Ministri dei due Paesi che quest’anno ospiteranno i due vertici del G7 e del G20, oltre che al Presidente della COP26 Alok Sharma.

L’invito è a fare della crisi climatica globale, della protezione della biodiversità e della salute le priorità dei vertici di quest’anno. Nella lettera si afferma inoltre che “senza progressi tangibili e nuovi impegni, non sarà possibile garantire, prima della COP26, solidarietà e progressi in materia di ambizione climatica”. Secondo i 13 firmatari, il successo dei prossimi vertici sul clima dipende anche in modo critico dai vertici G7 e G20 che sbloccheranno la volontà politica e assumeranno nuovi impegni per costruire fiducia e solidarietà. Le fondazioni sottolineano inoltre l’importanza di “garantire che la distribuzione e l’accesso al vaccino anti COVID-19 siano equi e gratuiti, oltre ad assicurare nuove riforme e risorse finanziarie”.

Nella lettera ai Primi Ministri si indicano, tra le altre, queste raccomandazioni fondamentali:

  • Impegnarsi per raggiungere il net-zero al più tardi entro il 2050 e, in vista della COP26, fissare obiettivi NDC (Nationally Determined Contributions) più ambiziosi e conformi a tale limite.
  • Adottare le NBS (Nature-Based Solutions).
  • Coordinarsi per raggiungere una ripresa globale che sia verde, resiliente, sana ed equa per tutti.
  • Agire a favore della protezione degli ecosistemi e del capitale naturale.
  • Contrastare la perdita di biodiversità.
  • Dare maggior visibilità alla gravissima minaccia alla salute rappresentata dal cambiamento climatico e i costi sanitari dell’inerzia in tema di clima.

 

L’iniziativa nasce nel contesto della Foundations Platform F20, un’alleanza di oltre 70 fondazioni e organizzazioni filantropiche di 21 paesi, con l’obiettivo di incentivare l’attuazione dell’Agenda 2030 con i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e l’Accordo di Parigi.

Qui è possibile leggere il testo integrale della lettera originale e qui la versione in italiano.