Un nuovo spazio per la comunità colpita dal crollo del ponte Morandi.

Data di pubblicazione: 9 Dicembre 2020
Obiettivo
Cultura.

Si chiama Casa di Quartiere 13D Certosa di Genova il progetto nato dall’impegno sinergico del Comune di Genova e Costa Crociere Foundation, con il supporto della Fondazione Compagnia di San Paolo, a favore di una delle aree della città più colpite dal crollo del Ponte Morandi. 

La Casa di Quartiere 13D Certosa, che viene inaugurata oggi con una conferenza stampa, è uno spazio nel centro di Genova pensato e progettato per integrarsi con il resto del quartiere, nato dall’analisi dei bisogni espressi dalle comunità locali.

L’edificio ospita funzioni di supporto e assistenza al territorio, con l’obiettivo di fornire uno spazio aggregativo sia per le associazioni che per i singoli cittadini e gruppi che intendono promuovere nuove iniziative. La Casa di Quartiere rappresenta inoltre un luogo di accoglienza e inclusione per tutti, con particolare attenzione ai giovani, con la possibilità di organizzare attività di dopo scuola e orientate alla socialità, alle famiglie e agli anziani. È previsto inoltre uno spazio di co-working destinato a giovani imprenditori e start-up.

“Siamo davvero lieti di partecipare oggi all’inaugurazione della Casa di Quartiere 13 D Certosa, nata dal lavoro congiunto della nostra Fondazione con il Comune di Genova.  dichiara Alberto Anfossi, Segretario Generale della Fondazione Compagnia di San Paolo Il progetto delle Case di Quartiere si è sviluppato nell’ambito della Missione “Favorire partecipazione attiva” dell’Obiettivo Cultura, che guarda al protagonismo delle persone favorendo nuovo spirito di condivisione con cui ripensare agli spazi culturali e civici, ed interpretandoli in una nuova prospettiva che li renda più inclusivi e coinvolgenti. La nuova casa del quartiere Certosa è tutto questo: un presidio culturale e civico che guarda allo spazio pubblico come spazio inclusivo di socialità, con attenzione all’infanzia, all’integrazione delle comunità immigrate, alla sostenibilità. Un nodo territoriale in grado di riunire l’offerta di tante iniziative e favorire partecipazione”.

La Casa di Quartiere, pienamente allestita e pronta a funzionare a pieno regime appena le norme Covid-19 lo renderanno possibile, vedrà la presenza di 2 funzionari del Comune di Genova e di 3 addetti del Centro Servizi Famiglia che garantiranno la copertura oraria settimanale da lunedì al sabato dalle 9 alle 19, resa possibile dal contributo della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del progetto “Oltre il Ponte”.