The Institute of Things to Come

08/02/2017
Condividi
Stampa
Invia
The Institute of Things to Come

Il 9 febbraio la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo presenta un centro di ricerca temporaneo sul futuro che proporrà fino a settembre un ciclo di quattro mostre collegate a un programma di formazione.

La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (www.fsrr.org) presenta The Institute of Things to Come, un centro di ricerca temporaneo sul futuro che da febbraio a settembre 2017 propone un ciclo di quattro mostre personali collegate a un programma di formazione.

Per il primo capitolo di The Institute, l’artista Bedwyr Williams presenta Echt, un’installazione filmica ambientata in un futuro prossimo nel quale le istituzioni britanniche e i sistemi di governo sono crollati, e il regime in corso è caratterizzato da un sistema feudale accelerato. Il suo film fantasioso, immagina un futuro in cui un evento apocalittico ha costretto l'umanità a riformare la società, dopo aver cancellato le regole sociali precedenti. In questo nuovo mondo nel quale lo status sociale si basa sul consumo smisurato, figure di accumulatori compulsivi sono divenuti re. Questi accumulatori di oggetti e spazzatura hanno installato i loro centri di controllo in discoteche e locali notturni dismessi, e sono accompagnati da una serie di personaggi acutamente descritti dalla voce narrante di Williams.

Collegato alla personale, dal 7 al 9 febbraio, Bedwyr Williams conduce con l'artista Tai Shani Demonio! Demonio!, un laboratorio filmico e performativo che esplora le rappresentazione del “Sé Demoniaco”, nel quale Torino è lo sfondo per costruire questo autoritratto malevolo e teatrale.

The Institute of Things to Come è a cura di Ludovica Carbotta e Valerio Del Baglivo ed è realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando ORA! Linguaggi contemporanei produzioni innovative.