MITO per la Città

31/08/2018
Condividi
Stampa
Invia

In occasione dell'edizione 2018 dello storico festival musicale MITO SettembreMusica, è stata presentata la rassegna "Mito per la Città", in programma dal 4 al 18 settembre.

Si è tenuta venerdì 31 agosto la conferenza stampa di presentazione di "MITO per la Città", un'iniziativa sostenuta dalla Compagnia di San Paolo. Hanno partecipato, tra gli altri, il direttore artistico Nicola Campogrande, suor Lucia Mossucca, l'Assessora alla Cultura Francesca Leon e la Sindaca Chiara Appendino. Ha portato i saluti della Compagnia Allegra Alacevich dell'area Arte, Attività e Beni Culturali.

Programma generale

MITO SettembreMusica, nato nel 2007, è un festival musicale che rappresenta un ponte che collega due realtà vicine, eppure così distinte come Torino e Milano. Due grandi città divise ormai da soli 50 minuti di treno che, a dispetto della globalizzazione, mantengono radici, stili e tradizioni diverse. Il festival propone per entrambe un solo speculare programma, pur con leggere varianti a favore delle peculiarità di ogni capoluogo. Molte compagini musicali di Torino e di Milano si sono in questi anni esibite per il festival, scambiandosi visita, e anche questo si è rivelato un modo per collegare le due realtà.

Al terzo anno della nuova governance e della direzione artistica del maestro Nicola Campogrande, il Festival MITO SettembreMusica si è ormai affermato nel format rinnovato, concentrandosi sulla musica classica e spaziando dal grande repertorio alla musica contemporanea. Ogni concerto è pensato con un sapiente mix che, seguendo il filo conduttore del tema scelto - quest’anno la Danza - unisce brani noti con altri meno conosciuti o commissionati per l’occasione, che sanno tutti emozionare, avvincere, incuriosire e trascinare lo spettatore.
Il tema della kermesse racchiude un discorso più ampio che suscita la curiosità nel pubblico, legando e attraversando ogni ascolto, sollecitando idee, dibattito e pensieri che proprio dalla musica partono e alla musica rimandano; un ascolto attivo, generatore non solo di piacere ed emozione tout court ma di conoscenza, approfondimento ed elaborazione della propria sensazione. Sono 16 i giorni di musica in ognuna delle due città, per un totale di 125 appuntamenti pensati per un pubblico che potrà gioire di una vera festa della musica, intesa come musica “popolare”, nel senso di aperta, godibile; “popolare” in quanto accessibile, non rito aristocraticamente elitario ma possibile per tanti, a partire dal prezzo dei biglietti fino alla conoscenza e fruibilità di luoghi “altri” e diversi nei quali si suona. Concerti al pomeriggio, alla sera, durante i weekend spettacoli dedicati ai bambini... Un pubblico in movimento quello di MITO, un pubblico che spesso si riconosce incontrandosi più volte e, scambiandosi sensazioni e opinioni, semplicemente supera le barriere. 

Il programma torinese

La Compagnia di San Paolo sostiene il programma torinese dell’iniziativa, la cui attenzione particolare riservata alla musica corale (con la festosa invasione di cori dieci in concerti pomeridiani nelle diverse zone della città) culmina in un open singing al quale tutta la cittadinanza è invitata a partecipare insieme a un coro-guida e a un direttore specializzato. Complementare alla programmazione decentrata, che prevede almeno tre concerti nelle sette Circoscrizioni cittadine fuori dal centro, è MITO per la Città, rassegna itinerante che, con la collaborazione attiva di agili formazioni di Allievi del Conservatorio, realizza nella sua decima edizione non meno di 90 momenti musicali, “quasi concerti” di mezz’ora percorrendo la rete dei servizi della sanità, della cultura e dell’assistenza del capoluogo della Regione Piemonte. Il 4 giugno è iniziata la vendita degli abbonamenti e il 22 giugno quella dei biglietti singoli. 

La Compagnia

Compagnia sostiene MITO sin dal 2009, anno in cui furono accordate per la realizzazione dell’iniziativa € 200.000. A partire dal 2010 il sostegno è diventato di € 250.000, cifra che corrisponde all’attuale contributo.