Formazione per la mobilità professionale

Condividi
Stampa
Invia

Che cosa è: progetto finalizzato alla creazione di processi di accompagnamento, di formazione e di ricollocazione di lavoratori in difficoltà e prevede la realizzazione di percorsi formativi e l’attivazione di tirocini offerti alle imprese.

A chi si rivolge: il target del progetto sono le persone in cerca di occupazione che rientrino in una fascia di reddito ISEE non superiore a 25.000 euro e che siano: 

  • giovani al di sotto dei 29 anni alla ricerca della prima occupazione;
  • percettori di integrazione salariale che non hanno possibilità di rientro nell’azienda di origine e che non siano coinvolti negli interventi anti-crisi messi in campo dalla Regione Piemonte;
  • disoccupati non supportati da ammortizzatori sociali.

I disoccupati dovranno essere iscritti alle liste dei lavoratori disponibili presso il Centro per l’Impiego di riferimento. 

Che cosa si propone; che cosa fa: il progetto si pone i seguenti obiettivi:

  • migliorare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro
  • costruire una “buona pratica” come elemento di suggestione per nuove policy
  • costruire una community di imprese interessate ad avere un luogo di riferimento per le proprie esigenze formative e di inserimento lavorativo
  • dimostrare il valore aggiunto derivante dalla costituzione di reti che nascono secondo un principio di sussidiarietà

Il progetto è articolato in sei fasi:

  1. analisi dei fabbisogni, che consiste nel raccogliere in modo sistematico le informazioni offerte dalle imprese coinvolte al fine di orientare tutte le azioni in modo convergente verso queste necessità;
  2. presa in carico dei beneficiari;
  3. strutturazione di percorsi formativi sia di tipo specialistico sia di tipo orientativo-trasversale, avendo sempre l’attenzione di non sostituirsi nel duplicare azioni già presenti sul territorio;
  4. inserimento lavorativo: per ciascuna delle persone inserite nel progetto verrà cercata un’opportunità di lavoro attraverso l’identificazione di imprese disponibili;
  5. rapporti con le imprese: è trasversale a tutto il progetto e prevede che le imprese siano coinvolte attraverso una diffusione sistematica delle informazioni ad esso relative e alle opportunità offerte;
  6. consolidamento degli strumenti di comunicazione volti a facilitare il lavoro della rete e consistenti nel mantenimento di un’informazione dettagliata, facilmente fruibile da parte dei beneficiari delle imprese e della rete allargata del progetto.

Elementi qualificanti: un elemento di valore è la capacità di attivare relazioni con le imprese che ha permesso di avere indicazioni sulla domanda di lavoro, permettendo di caratterizzare gli interventi formativi e di rispondere velocemente e adeguatamente alle richieste delle imprese e dimostrando pertanto un’effettiva capacità di incontro tra domanda e offerta. La metodologia costruita può costituire inoltre un modello interessante potenzialmente esportabile in altri contesti.

Periodo di attività: il progetto è attivo dal settembre 2010.

Dove opera: il territorio di intervento è la provincia di Torino.

Partner: il progetto è promosso dalla Compagnia di San Paolo e realizzato in partnership con la Compagnia delle Opere del Piemonte, la Fondazione Don Mario Operti e l’Ufficio Pio.

Sito internet

http://fondazioneoperti.it/

http://www.cdopiemonte.it/