PLAY IN. Arte e territori sonori

Condividi
Stampa
Invia

Associazione ART.UR – Cuneo

Il progetto PLAY IN è rivolto alla ricerca e alla produzione d’avanguardia nel campo delle arti sonore. Invita artisti, sound designer, ricercatori nell’ambito delle nuove tecnologie e dei new media ed esperti di design e strumenti musicali a collaborare in un progetto artistico finalizzato alla produzione di opere di sound art e alla creazione di un archivio sonoro di uno spazio urbano, che sarà lo scenario e la sorgente dei suoni che andranno a comporre le sperimentazioni sonore.

Le iniziative si svolgeranno a Saluzzo (CN) e coinvolgeranno anche attori culturali della città di Matera che garantiranno il follow up del progetto. In due settimane di residenza, gli artisti coinvolti potranno conoscere il contesto, incontrare gli altri attori della piattaforma crossdisciplinare attivata per la realizzazione del progetto e iniziare la ricerca, a seguito della quale inizieranno a concepire l’opera per poi passare alla sua produzione supportata dalla piattaforma crossdisciplinare. Verrà quindi realizzato un laboratorio dove condividere tra gli attori le conoscenze teoriche e le competenze pratiche in campo di tecnologie applicate alle arti sonore, di soundscaping e di design applicato agli strumenti sonori. Durante il laboratorio, saranno organizzati momenti di presentazione pubblica degli attori della piattaforma, attraverso conferenze e performance.

A chiusura del laboratorio, sarà prodotto un archivio sonoro, costituito da tracce sonore e registrazioni relative ai suoni e agli scenari urbani di Saluzzo con quindi la diffusione dell’archivio tramite radio-web, sedute d’ascolto e un’installazione multimediale presentata durante un’esposizione presso la Castiglia che includerà anche lo storytelling del processo creativo. Infine, l’opera sarà presentata anche a Matera come preview del progetto di arti sonore “Città Silente”, parte del programma di Matera 2019.

overtoon
"PLAY IN è un progetto di ricerca nel campo delle arti sonore volto alla produzione di opere sperimentali di sound art e alla creazione partecipata di un archivio di suoni identitari di Saluzzo, città che fa della musica una delle proprie vocazioni.
Attraverso la creazione di una piattaforma crossdisciplinare, che associa artisti, sound designer, ricercatori nell’ambito delle nuove tecnologie e dei new media ed esperti di design di strumenti musicali, il progetto vuole dar voce agli spazi interstiziali di Saluzzo in quanto potenziali campi sonori all’interno del quale far incrociare sperimentazione e tradizione locale. 
Ad una prima fase di laboratorio e di residenza artistica, seguiranno l’esposizione dell’opera prodotta e la restituzione del processo creativo e dell’archivio sonoro presso la Castiglia di Saluzzo. Le varie fasi saranno raccontate attraverso performance, conferenze e intrusioni nella radio web locale.
Il partenariato con Onyx Jazz Club farà sì che l’opera e il laboratorio, siano presentati a Matera in qualità di introduzione a “La città silente”, progetto d’arte sonora incluso nel programma di Matera 2019."

Foto - PLAY IN