OPEN MAGAZINE
AUDIENCE DEVELOPMENT E INNOVAZIONE CULTURALE

Condividi
Stampa
Invia
header bando open

Open Community: al via il percorso di perfezionamento

21 settembre 2018 - articolo
Open Community: al via il percorso di perfezionamento

Parte venerdì a Torino il percorso di perfezionamento per i 12 progetti culturali selezionati dal bando Open Community sull'Audience Engagement.

La comunità di Open entra nel vivo. Venerdì 21 settembre inizia il percorso di perfezionamento che accompagnerà i dodici progetti che hanno superato la prima selezione del bando Open Community della Compagnia di San Paolo, rivolto alle reti di comunità culturali e ai professionisti dell'Audience Development. Saranno tre weekend di approfondimenti, incontri e workshop in cui – da qui alla fine di ottobre, a Torino e Genova – si affronteranno i temi chiave dell'AD, permettendo ai partecipanti di confrontarsi con addetti ai lavori, acquisire nuove competenze ed elaborare una versione strategica e aggiornata del progetto, da presentare alla selezione finale del bando.

 

«Nel mondo della progettazione culturale c'è bisogno di riconoscere nuove professionalità», ha dichiarato a marzo a Open Magazine Francesco Profumo, Presidente della Compagnia di San Paolo. «Open può contribuire direttamente a questo processo, accompagnando gli operatori, valorizzandoli, valutando i risultati, gli errori, gli ostacoli». Il percorso di perfezionamento nasce proprio con questo spirito e con l'obiettivo di aiutare gli operatori culturali a dotarsi di un know how e di strumenti utili a rafforzare la propria posizione nel mondo dell'Audience Development. Con un approccio rivolto all'innovazione, ai processi di rete e alla capacità di confrontarsi con realtà di livello internazionale.

 

Non si tratterà di una passeggiata, nemmeno di una semplice carrellata in powerpoint. Il programma delle giornate di perfezionamento è molto fitto e coinvolge numerosi esperti del settore, già a partire dalla mattina di venerdì 21 settembre alla Housing Giulia di via Cigna. Si entra subito nel vivo con un focus su «Cultura e disuguaglianza sociale» a cura di Annalisa Cicerchia, economista della cultura presso l’ISTAT. Si prosegue con la panoramica su Audience Development e Audience Engagement proposta da Alessandra Gariboldi di Fondazione Fitzcarralado, che gestisce più progetti europei sul tema; si chiude la sessione mattutina con la presentazione di tre temi centrali dell’approccio culturale orientato ad ampliare e diversificare il pubblico e che saranno protagonisti dei lavori di gruppo del pomeriggio: «La sfida dell'ascolto» (a cura di Alessandro Bollo, esperto di AD e direttore della Fondazione del Polo del '900), «La sfida del coinvolgimento» (con Nicola Facciotto, imprenditore culturale e amministratore delegato di Kalatà srl) e «La sfida della comunità» (con Sergio Galasso, community manager)

 

Sabato 22 settembre, le operazioni si spostano al Polo del '900. Si guarderà alle potenzialità internazionali dei progetti, con un focus sulle opportunità di internazionalizzazione e rafforzamento della rete a cura di Sergio Galasso e con l'intervento di Pierluigi Sacco, Special Adviser del Commissario Europeo all'Istruzione e alla Cultura, sull'attuale framework europeo. Quali temi legati all'AD sono effettivamente inseriti nell'agenda culturale di Bruxelles? Quali sono le prospettive e quali gli strumenti di cui gli operatori culturali possono servirsi? Altri due aspetti fondamentali della progettazione culturale saranno affrontati nel pomeriggio: i nuovi modelli di governance pubblico-privato per progetti complessi (con Andrea Minetto, project manager e consulente alle politiche culturali del Comune di Milano) e la comunicazione strategica (attraverso una serie di esercitazioni e discussioni coordinate da Sara Bigazzi, consulente del progetto Hangar per la comunicazione strategica).

 

Il secondo weekend del percorso è previsto per il 5 e il 6 ottobre a Genova. Si affronteranno i temi dell'innovazione sociale con Paola Pierri, esperta di finanza sociale, della riforma del terzo settore con R&P Legal, della valutazione di impatto con la neonata unità interna della fondazione torinese; si prosegue con l'analisi di risorse finanziare alternative con la direzione finanza della Compagnia e Marco Ratti della direzione Impact di Intesa San Paolo, le nuove forme di partnership tra pubblico e privato con Rosaria Mencarelli, con una lunga esperienza di direzione di beni culturali statali e Luigi Gili, avvocato esperto del settore e infine un approfondimento sulla seguito dei progetti alla fine dei progetti stessi e il rapporto con il budget di Nicola Facciotto.

 

Il gruppo di lavoro di Open seguirà da vicino gli sviluppi dei dodici progetti nel percorso. Oltre agli approfondimenti, il percorso prevede infatti una serie di attività «cucite su misura» su ogni singolo progetto. Quindi il percorso si concluderà sabato 20 ottobre, di nuovo a Torino, per una giornata intera dedicata alle esigenze emerse per completare ciascun singolo progetto. Le nuove versioni progettuali saranno esaminate a novembre, i vincitori finali del bando Open Community saranno pubblicati a dicembre e i progetti decolleranno a partire dall'inizio del 2019.

 

Il percorso di perfezionamento è stato studiato dall'Area Innovazione culturale di Compagnia di San Paolo come parte integrante del cammino di Open Community nell’ottica che oltre al finanziamento le fondazioni bancarie possano fornire agli operatori servizi aggiuntivi che hanno altrettanto valore per le ricadute sui territori e avrà come protagonisti principali i dodici progetti che hanno superato la prima selezione del bando, con le relative associazioni capofila e i project manager. Nel dettaglio, si tratta di Vicoli (capofila: Laboratorio Società Cooperativa Sociale / project manager: BAM! Strategie culturali), Quinta Parete (Associazione Jaqulè / Adolfo Rossomando), ADA – Audience Devlopment Asti (Associazione CRAFT / Melting Pro), Lilliput (Associazione We Love Moms / Beatrice Sarosiek), La Bellezza e la Cura (La Comunità / Rete delle Case del Quartiere APS), Muovere le montagne (Associazione Kosmoki / Mara Loro), Teatripercasa (Associazione Festival delle Due Rocche / Lorenzo Leiner), Cittadini illumina(n)ti (Associazione Pubblico-08 / Alessandro Ottenga), Ritratto di città (Fondazione Nuovo Teatro Faraggiana / Carlotta Garlanda), Eroi per casa – Atti coraggiosi in luogo pubblico (Liberitutti / Stranaidea), Verticale (Fondazione Luzzati Teatro della Tosse / Eccom) e Banda larga: community per iper media (Associazione Banda Larga / Sabrina Barcucci).

 

Vista l'universalità dei temi trattati, la loro utilità per tutti i protagonisti del mondo della progettazione culturale e tenendo anche conto della filosofia racchiusa nel nome stesso dell'avventura di Open, che punta ad inaugurare una nuova stagione condivisa nell'organizzazione di eventi culturali che rispondano alle caratteristiche, alle esigenze e alle sfide della società contemporanea, è stato deciso di aprire la partecipazione agli incontri anche ai progetti vincitori di Open Lab e Open Cinema.